EventiOggi.net

Cinema sul futuro - Quattro giorni di proiezioni e incontri

Lecce
Cineporto Lecce
Lecce (LE)
Tel 2017-10-26
Categoria Eventi


Da giovedì 26 al 29 ottobre il Cinelab Giuseppe Bertolucci del Cineporto di Lecce ospita, nell’ambito di Conversazioni sul futuro - Festival V edizione, la sezione "Cinema sul futuro" promossa dal Cineclub Unisalento in collaborazione con Fondazione Cineporto Lecce e Corso di Laurea DAMS Unisalento. Quattro serate di incontri con registi, scrittori, artisti e docenti e la proiezione di Banksy Does New York, Walk with Me, L’ordine delle cose e La Guerra dei Cafoni. Il programma prenderà il via giovedì 26 ottobre (ore 20.30 – ingresso libero) con Banksy Does New York di Chris Moukarbel (2014), in collaborazione con Amnesty International Italia. Prima del film il giornalista e scrittore Ennio Ciotta modererà un incontro con lo street artist Nemo’s e con Massimo Guastella, docente di Storia dell’arte contemporanea dell’Università del Salento).

L’introduzione della sezione del festival e della serata sarà di Luca Bandirali (docente di “Cinema, Fotografia, Televisione” all’Università del Salento). Quando lo street artist Banksy ha rivelato di risiedere a New York, ha lasciato una vera e propria caccia al tesoro tra fan curiosi, mancati collezionisti d’arte e, naturalmente, poliziotti. Con la videocamera del cellulare pronta a riprendere, tutti volevano conquistare un pezzo dei suoi effimeri lavori prima che venissero distrutti o, peggio, rimossi per guadagno. Chris Moukarbel analizza la reazione del pubblico di una velocità senza precedenti e segue il percorso dei lavori creati segretamente da Banksy e resi pubblici in tutta la città: dal lower East Side fino a Staten Island, da Williamsburg a Willets Point. Il documentario è prodotto da HBO. Venerdì 27 ottobre (ore 18 – ingresso libero) presentazione e proiezione di Walk with Me di Marc Francis e Max Pugh (2017) in collaborazione con Sangha del Salento. Walk with me, il documentario narrato nella versione originale dalla voce del candidato all’Oscar Benedict Cumberbatch, è un viaggio intimo e coraggioso nel microcosmo della comunità monastica del maestro Zen Thich Nath Hanh sull’arte della meditazione buddhista, oggi nota come Mindfulness. Ci sono voluti tre anni passati tra la Francia e on the road negli Stati Uniti, per raccontare dall’interno la quotidianità di un monastero Zen del XXI secolo, dove approda un variegato gruppo di occidentali in cerca di seconde opportunità: l’obiettivo è quello di impostare la propria vita su nuovi valori, capaci di aprire inedite prospettive spirituali. Sabato 28 ottobre (ore 20.30 – ingresso libero) sullo schermo L’ordine delle cose di Andrea Segre (2017). Dopo un breve saluto video del regista, introdurranno il film Riccardo Noury (portavoce di Amnesty International Italia) e Luca Bandirali (docente di “Cinema, Fotografia, Televisione” all’Università del Salento). Corrado è un alto funzionario del Ministero degli Interni con una specializzazione in missioni internazionali legate al tema dell’immigrazione irregolare. Viene scelto per un compito non facile: trovare in Libia degli accordi che portino progressivamente a una diminuzione sostanziale degli sbarchi sulle coste italiane. Le trattative non sono facili perché i contrasti all’interno della realtà libica post Gheddafi sono molto forti e le forze in campo avverse con cui trattare molteplici. C’è però una regola precisa da rispettare: mai entrare in contatto diretto con uno dei migranti. Domenica 29 ottobre (ore 18 – ingresso libero) un inedito incontro tra il romanzo “La guerra dei murazzi” di Enrico Remmert (Marsilio, 2017) e il film La guerra dei Cafoni di Davide Barletti e Lorenzo Conte (2017). Dopo un breve incontro dello scrittore e di Barletti con la giornalista Bianca Chiriatti e con Luca Bandirali (docente di “Cinema, Fotografia, Televisione” all’Università del Salento) sarà proiettato il film. A Torrematta, territorio selvaggio e sconfinato in cui non vi e` traccia di adulti se si esclude il gestore di un capanno-bar, ogni estate si combatte una lotta tra bande: da una parte i figli dei ricchi, i signori, e dall’altra i figli della terra, i cafoni. A capo dei rispettivi schieramenti si fronteggiano il fascinoso Francisco Marinho e il cupo Scaleno. Si combattono dalla culla, trascinando nel conflitto di classe i propri “soldati”. Ne “La guerra dei murazzi”, Enrico Remmert è il cantastorie delle vite qualsiasi che si incrociano e si intrecciano in quel luogo dell’anima – pieno di pericoli e possibilità, di scelte e rischi – che è la Notte. A ciascuno dei suoi personaggi è offerta una scelta. Si può essere eroi o vili, si può fuggire o restare, si può combattere o nascondersi. Tutto nella Notte si decide: soprattutto l’amore. E così l’autore raduna, in una Torino più magica che vera o in una Cuba più sognata che reale, una folla di personaggi, ciascuno legato a un destino al quale vuole aderire o dal quale vuole liberarsi. Il festival “Conversazioni sul futuro” torna da giovedì 26 a domenica 29 ottobre in oltre venti teatri, centri culturali, librerie e scuole di Lecce. Quattro giorni con oltre 70 appuntamenti tra workshop, incontri, dibattiti, confronti, lezioni, cinema, musica, libri, enogastronomia, laboratori, l’Officina dei bambini e delle bambine le Officine del futuro. Diretto da Gabriella Morelli, il festival è realizzato in collaborazione con numerose associazioni, la preziosa partecipazione di volontari e volontarie, il patrocinio del Comune di Lecce e dell’Università del Salento e il sostegno di partner pubblici e privati. Nelle prime quattro edizioni, Conversazioni sul futuro (sino al 2014 con il nome di Xoff) ha coinvolto oltre 500 relatori e ha ospitato (sino al 2016) anche la conferenza TedxLecce, che nel 2017, invece, non si terrà. La rassegna si trasforma in Festival, cresce, si amplia e si sviluppa, proponendo sempre più appuntamenti e coinvolgendo sempre più luoghi e scuole della città. Gli incontri saranno tutti a ingresso gratuito. Info e contatti www.conversazionisulfuturo.it

Comments
Il programma prenderà il via giovedì 26 ottobre (ore 20.30 – ingresso libero) con Banksy Does New York di Chris Moukarbel (2014), in collaborazione con Amnesty International Italia. Prima del film il giornalista e scrittoreCiotta modererà un incontro con lo street artist Nemo’s e conGuastella, docente di Storia dell’arte contemporanea dell’Università del Salento). L’introduzione della sezione del festival e della serata sarà diBandirali (docente di “Cinema, Fotografia, Televisione” all’Università del Salento). Quando lo street artist Banksy ha rivelato di risiedere a New York, ha lasciato unae propria caccia al tesoro tra fan curiosi, mancati collezionisti d’arte e, naturalmente, poliziotti. Con la videocamera del cellulare pronta a riprendere, tutti volevano conquistare un pezzo dei suoi effimeri lavori prima che venissero distrutti o, peggio, rimossi per guadagno. Chris Moukarbel analizza la reazione del pubblico di una velocità senza precedenti e segue il percorso dei lavori creati segretamente da Banksy e resi pubblici in tutta la città: dal lower East Side fino a Staten Island, da Williamsburg a Willets Point. Il documentario è prodotto da HBO.




Home Page - Privacy Sitemap Copyright © 2017 In EventiOggi.net

P6